Salvamotori

Filtri attivi

Prezzo 51,24 €

Interruttore salvamotore 13-18A Lovato

Comando e protezione di potenza >  Interruttori salvamotori magnetotermici >  Interruttori salvamotori SM1... fino a 40A. Protezione magnetica e termica >  Comando a pulsanti

Salvamotori: cosa sono?

I salvamotori sono dispositivi di protezione elettromeccanici in grado di identificare le condizioni di sovraccarico, anomalia e cortocircuito di un motore elettrico ed interromperne automaticamente l'alimentazione. 
La protezione senza fusibili con un salvamotore consente un risparmio di costi e spazio, assicura soprattutto una svelta reazione di arresto del motore in poche frazioni di secondo. Vengono configurate combinazioni di salvamotori e contattori.

I salvamotori elettronici sono esterni, ma hanno una parte che deve essere interna al motore, ovvero i termistori. 
Il salvamotore esterno è uno solo ed è collegato in parallelo al carico, i sensori all'interno sono collegati tra di loro, secondo la scelta della casa costruttrice.

Quali sono le funzioni più importanti dei salvamotori?

Il salvamotore svolge tre importanti funzioni:

  • il selezionamento
  • la protezione del motore dal sovraccarico e dal cortocircuito 
  • il comando on/off del motore

Il salvamotore possiede dei contatti interni che collegano la linea di alimentazione al carico. Una bobina interna rileva le correnti di corto circuito, mentre un elemento sensibile al calore, soldato sul bimetallo, rileva sovracorrenti che possono eventualmente danneggiare il motore. In caso di sovracorrenti, la bobina o il bimetallo determinano l'apertura dei contatti. 

Salvamotori: quando intervengono? 

I salvamotori intervengono in casi particolari come:

  • Avviamento del motore troppo lento
  • Numerosi avviamenti ravvicinati
  • Rete non stabile con eccessive variazioni di tensione o frequenza 
  • Rotore bloccato
  • Il motore sforza troppo 

Salvamotori: quali tipi troviamo in commercio?

  • Salvamotori meccanici (fusibili)
    Il salvamotore che interviene con la fusione del filo conduttore, che è racchiuso generalmente in un tubo di vetro.
  • Salvamotori elettromeccanici esterni al motore
    I salvamotori elettromeccanici stimano la temperatura all'interno del motore, "simulando" l'effetto termico dentro il motore attraverso la corrente assorbita, e se superiore al livello di taratura, privano l'alimentazione al motore, tramite un relè o un teleruttore.
  • Salvamotori elettromeccanici interni al motore
    Si tratta di un interruttore termico che, ad una temperatura eccessivamente elevata (superiore a quella di taratura), aprono il circuito d'alimentazione. Molto comodo e poco costoso, non necessita accortezze particolari. 
  • Salvamotori elettronici
    Questi salvamotori, utilizzano dei sensori di temperatura "PTC" (termistori), i quali hanno resistenza.