Alimentatore

Filtri attivi

Alimentatore: cos'è?

Un alimentatore, comunemente chiamato alimentatore, è un commutatore di corrente alternata - corrente continua.
Un alimentatore ha dunque il compito di convertire la corrente in modo da fornire energia elettrica, modificando dove è essenziale i livelli di tensione e corrente.

Alimentatore: che tipologie troviamo in commercio?

Esistono due tipologie di alimentatore:

  • Alimentatore statico
    generano una tensione e una corrente in uscita identica
  • Alimentatore variabile
    modificano i valori di tensione e di corrente in uscita.

Come si realizza un alimentatore?

Per realizzare un alimentatore esistono approcci tecnologici molto differenti, come:

Alimentatore lineare (o dissipativo)
È un dispositivo semplice e economico, composto da elementi collegati:

  • Un trasformatore
    si occupa di diminuire la tensione proveniente dalla rete elettrica
  • Un raddrizzatore
    modifica la corrente alternata fornita dal trasformatore
  • Un filtro livellatore 
    livella la corrente unidirezionale uscente dal raddrizzatore in una corrente continua più costante.
  • Un circuito elettrico stabilizzante
    Quest'ultimo è detto anche regolatore, assicura che la tensione prodotta dall'alimentatore si mantenga costante nel tempo.

Alimentatore "switching" (o "a commutazione")

Questo alimentatore possiede circuiti più complessi rispetto ad un alimentatore elettrico tradizionale, ma ha diversi vantaggi:

  • Minore ingombro
  • Peso parità di potenza
  • Un rendimento maggiore 
    minore calore prodotto

Il funzionamento dell'alimentatore si basa sul trasformatore, per essere più proficuo, richiede un nucleo di ferro magnetico più piccolo e molto compatto.
In un alimentatore switching, la tensione di rete viene innanzitutto raddrizzata e livellata con un condensatore. Dopodiché un circuito oscillatore di potenza modula questa corrente continua per ottenere una corrente alternata di elevata frequenza.